366/5039177
Il servizio é attivo dalle 9 alle 19
MIGLIOR PREZZO GARANTITO

Sul nostro sito vi garantiamo la miglior tariffa del web, se riuscirete a trovare un prezzo piu basso prenotabile on line per lo stesso periodo e per la stessa tipologia di camera su un altro sito, vi chiediamo gentilmente di contattarci, vi applicheremo lo stesso prezzo e inoltre avrete delle condizioni esclusive.

OMAGGI ESCLUSIVI SOLO SE PRENOTI DA QUESTO SITO:

Per chi arriva in auto 40% di sconto sulla tariffa del nostro parcheggio privato

Connessione gratuita Internet WI-FI per tutto il tempo del tuo soggiorno, in hotel e in camera: naviga come vuoi, dove vuoi, quando vuoi!

Upgrade nella camera superiore
Il nostro responsabile di ricevimento, quando possibile, sceglierà sempre la camera disponibile migliore per le esigenze dei nostri ospiti.

BOOKING ONLINE
Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
Bologna che pochi ricordano
Tago de' Buoi: l'amico più fedele
La storia del cane alla finestra

Tago de' Buoi: l'amico più fedele

A Bologna c’è una statua a memoria di una storia decisamente commovente, una di quelle storie toccanti che in pochi conoscono e che meritano di essere raccontate e mai dimenticate. E’ una statua in terracotta, un monumento funebre dedicato alla fedeltà di Tago, bracco weimaraner di proprietà del Marchese de’ Buoi.   
 
E’ il 1777.
 
I Marchesi Bovi sono grandi proprietari terrieri, spesso assenti dal loro palazzo di città per lunghi periodi di tempo, per curare i loro interessi. Tago è il loro inseparabile compagno che segue la famiglia in ogni viaggio e spostamento. Ma quell’anno, non si sa per quale motivo, il Marchese Tommaso de’ Buoi decide di partire lasciando Tago a Bologna, affidato alle cure della servitù. Il bracco, devoto all’affetto della sua famiglia e desolato per la loro assenza, diventa subito ed irrimediabilmente tristissimo. Smette di mangiare di gusto, è affranto ed ha trasformato il suo abbaiare potente e sonoro in un mesto uggiolato. Trascorre gran parte della sua giornata affacciato ad una finestrella dell’ultimo piano del palazzo, proprio nel sottotetto, rifugiato lì sicuro e speranzoso di vedere rientrare dal portone la carrozza dei padroni da un momento all’atro.
 
Il tempo passa impietoso. L’assenza si prolunga. La tristezza diventa irrimediabile.
 
La nostalgica attesa di Tago viene interrotta una mattina alla fine della stagione estiva. Alle porte dell’autunno. Tago sente il rumore di una carrozza. Si alza di scatto, ancora non la vede, ma in lui tutto è già cambiato. Sono loro, i suoi marchesi, il suo padrone, deve essere lui. Si stende fiero sulle zampe, tende alta la coda, e pazzo di felicità comincia ad abbaiare. Infine la carrozza entra nel cortile. Sono proprio loro, li vede. Tago non riesce a contenere la sua felicità, non può aspettare un istante di più, neanche il tempo di correre dal marchese e, quasi pazzo di gioia, si slancia e si avventa sulla finestrella.
 
Precipita ai piedi del suo padrone.         
 
Quella finestra viene murata. Lo stesso anno, il marchese Tommaso de’ Buoi commissiona all’artista forlivese Luigi Acquisti, stuccatore esimio, giovane ed affermato scultore dell'accademia bolognese, una statua di Tago per celebrarne il valore e la fedeltà. La terracotta, che ritrae Tago seduto su un cuscino mentre guarda nel cortile in triste attesa dell’adorato padrone, viene posizionata davanti alla finestrella della sua attesa.
 
Fino a non molti anni fa, passeggiando per la centrale via Oberdan e fermandosi all’altezza del civico 24, oltrepassato il quasi sempre aperto portone del Palazzo Bovi, un bel palazzo a due piani dalla facciata spoglia ma elegante e dal porticato a quattro archi, sbirciando dal cortile a doppio loggiato, era possibile vedere Tago affacciato al davanzale della sua finestrella all’ultimo piano. Esposta per più di duecento anni alla curiosità dei Bolognesi, ma anche alle intemperie, nel 2008 la statua viene sottoposta ad un accurato restauro che ne ripristina le originarie tracce cromatiche, rosse per il collare ed il cuscino – su cui è anche inciso il nome del Bracco - e giallo per il pelo. E’ stata consolidata la struttura che era mancante nella parte posteriore e viene svuotata dai detriti migliorandone la solidità. Una volta terminato il restauro, Tago viene esposto per un breve periodo nella Gipsoteca del Museo Civico Archeologico, per poi trovare collocazione presso le Collezioni Comunali d’Arte di Palazzo d’Accursio.
 
Ed ora siamo noi Bolognesi ad aspettare che Tago, rimasto in trepida attesa del suo padrone per una intera estate, torni al suo posto a testimoniare la devozione verso il suo amatissimo padrone.
 
"Centrale, accogliente e pulito"
L'Hotel è centrale e facilmente raggiungibile con l'aerobus perché dalla fermata di via dei Mille si percorrono appena 30metri a piedi. La via di affaccio è silenziosa. Le camere sono confortevoli e il cambio biancheria e lenzuola è addirittura quotidiano! Ci siamo trovati molto bene. Grazie a tutti coloro che ci lavorano!



Virginia

Bella camera, letto molto comodo. Pulizia eccellente
Bella camera, letto molto comodo. Pulizia eccellente



Rossella Dessì

"Per lavoro a Bologna. Ottimo"
Ottima soluzione, comodo per gli impegni di lavoro. Camere pulite, spaziose, letto comodo e confort di buon livello. Bagni funzionali e puliti. Colazione con buona scelta. Decisamente interessante il rapporto qualità prezzo.



Crismed1975

"Comodo per la sua posizione centrale"
L'accoglienza è stata assolutamente cordiale. Sebbene il chek-in fosse dalle 15, ho telefonato prima delle 13 per sapere se avrei potuto posteggiare in anticipo, e mi hanno assicurato che non solo potevo recarmi subito per parcheggiare, ma che anche l'appartamento sarebbe stato già pronto. Il monolocale è a pochi metri dalla sede dell'albergo e affaccia su un grazioso cortile. E' decisamente spazioso. La cucina è ben attrezzata. Bello il bagno. Un grande letto, divano, poltrona, TV, impianto stereo completano l'appartamento. Il pavimento è di parquet. Unico inconveniente un sottile rumore di fondo (forse il frigo) e la calderina che si accende con frequenza, forse perché in bagno funziona ancora il riscaldamento. Comunque, se dovessi tornare a Bologna, non esiterei a fare la stessa scelta.



Giovanni

Giovedì 21 Novembre 2019
Nuvoloso

Min 8° - Max 14°
Venerdì 22 Novembre 2019
Nuvoloso

Min 7° - Max 13°
Sabato 23 Novembre 2019
Nuvoloso

Min 10° - Max 14°
Domenica 24 Novembre 2019
Nuvoloso

Min 10° - Max 14°
Lunedì 25 Novembre 2019
Sereno

Min 10° - Max 15°
Martedì 26 Novembre 2019
Parzialmente nuvoloso

Min 8° - Max 13°
Mercoledì 27 Novembre 2019
Nuvoloso

Min 7° - Max 13°
+39 051/247926
info@nuovohoteldelporto.com
OFFERTE SPECIALI
+39 051/247926
info@nuovohoteldelporto.com
Richiedi informazioni!
UTO UGHI E ANDREA GRIMINELLI
Bologna, Teatro Duse 27 novembre
BOLOGNA COM'ERA
Richiedi informazioni!
Richiedi informazioni
* Nome e Cognome:
Arrivo:
N.
Adulti:
Età
Bambino 1:
* E-mail:
Partenza:
Età
Bambino 2:
Età
Bambino 3:
Telefono:
Sistemazione:

Nazione:

Richieste particolari:
Campi obbligatori *
Follow us on facebook
Nuovo Hotel Del Porto Via Del Porto, 6 - 40122 Bologna (Bo)
Tel. +39 051/247926 - Fax +39 051/247386
E-mail: info@nuovohoteldelporto.com
Credits TITANKA! Spa © 2013