366/5039177
Il servizio é attivo dalle 9 alle 19
MIGLIOR PREZZO GARANTITO

Sul nostro sito vi garantiamo la miglior tariffa del web, se riuscirete a trovare un prezzo piu basso prenotabile on line per lo stesso periodo e per la stessa tipologia di camera su un altro sito, vi chiediamo gentilmente di contattarci, vi applicheremo lo stesso prezzo e inoltre avrete delle condizioni esclusive.

OMAGGI ESCLUSIVI SOLO SE PRENOTI DA QUESTO SITO:

Per chi arriva in auto 40% di sconto sulla tariffa del nostro parcheggio privato

Connessione gratuita Internet WI-FI per tutto il tempo del tuo soggiorno, in hotel e in camera: naviga come vuoi, dove vuoi, quando vuoi!

Upgrade nella camera superiore
Il nostro responsabile di ricevimento, quando possibile, sceglierà sempre la camera disponibile migliore per le esigenze dei nostri ospiti.

BOOKING ONLINE
Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
Bologna che pochi ricordano
La tredicesima porta
Le mura e le porte, a Bologna

La tredicesima porta

Il centro storico di Bologna è stato protetto dalla trecentesca cinta muraria fino agli inizi del secolo scorso. Di forma poligonale, fu inizialmente progettata come fortificazione a palizzata in legno; destinata a sostituire ed ingrandire la precedente cerchia di Torresotti, la cosiddetta "Circla" venne infine costruita in muratura e terminata cinquant’anni dopo, nel 1374. All’esterno correva un fossato, mentre verso l’interno era addossato un terrapieno. Descritta dal giovane studente Petrarca come uno “steccato sconnesso”, con il suo perimetro di quasi otto chilometri, racchiudeva al suo interno un’area di 420 ettari, tra le più estese d’Italia.
 
In quattro anni, dal 1902 al 1906, le mura vennero abbattute, rase al suolo per fare spazio ai viali di circonvallazione ed alle ville stile liberty per la borghesia. Anche due delle dodici porte che si aprivano nelle mura, Porta San Mamolo e Porta Sant’Isaia, vennero sacrificate alla causa urbanistica ed alla modernizzazione. Le rimanenti dieci, furono risparmiate solo grazie all’interesse e all’incisivo intervento di personaggi del calibro di Giosuè Carducci e Alfonso Rubbiani.
 
A presidio delle vie di accesso al cuore della città, tutte di recente esteticamente restaurate, ognuna di queste porte ha una sua particolare storia.
 
Porta Maggiore, nota anche come Porta Mazzini, salvata di un soffio alla demolizione, si presenta ancora oggi nella sua antica struttura del 1200. ma nel corso dei secoli è stata più volte abbellita ed arricchita per ospitare degnamente monarchi e papi. Porta Galliera, cinque volte demolita insieme alla sua rocca, viene ricostruita nella sua definitiva ed attuale versione nel 1665; maestosa nelle sue forme barocche, era una porta d’acqua perché dava accesso all’antico porto della città. Porta Lame, dal nome che sa di battaglia, fu completamente ricostruita nel 1677. Porta San Felice, originale del trecento ma restaurata nel 1800, detta Porta Napoleone, dovette assistere allo scherno dei modenesi che rapirono la secchia in un pozzo a pochi metri da essa. Porta Saragozza, ricostruita interamente nel 1859, accoglie da secoli la Madonna di San Luca ed ospita al suo interno il museo dedicato al Santuario sul Colle della Guardia. Porta Castiglione, originale del 1300, ibrido di stile gotico e romanico, accoglieva in città il canale Savena. Porta Santo Stefano, via da Bologna per Firenze, fu abbattuta nel 1843 e poi ricostruita. Oggi, ne restano due bassi edifici, che furono un tempo adibiti a bagni pubblici. Porta San Vitale è originaria del 1200, e Porta San Donato, nota anche come Porta Zamboni, via da Bologna per Ferrara, è del 1300, ma appare ben conservata. Porta Mascarella è quella che tra tutte ha meglio mantenuto l’aspetto medievale, e viene spesso chiusa perché pericolante.                  
 
Ma la storia più affascinante, la vicenda più interessante e coinvolgente, è quella della porta numero tredici.
 
Provate a pensare ad un manoscritto del 1371 rinvenuto per caso nell’archivio segreto del Vaticano ed immaginate un documento amministrativo contenuto al suo interno intitolato alla storia della città di Bologna ed al suo popolo, dove ad un certo punto si legge di una porta con tanto di cassero e di torre dotata di ponti levatoi interni ed esterni. Ebbene, questa porta non è nessuna delle ben note dodici porte. E’ la Porta del Pratello, “attraverso la quale si va nelle zone montane verso Pistoia” e di cui oggi è solo parzialmente visibile il bell’arco a sesto acuto seminterrato nel muro posteriore della chiesa di San Rocco che da su Viale Vicini. Questa porta non fu chiusa a protezione della città verso nemici esterni, bensì, per punire quella parte di Bologna che tentò di rovesciare la nascente signoria dei Bentivoglio.   
 
Sono gli anni quaranta di una affascinante Bologna Quattrocentesca, gli anni tumultuosi dell’ascesa dei Bentivoglio. E’ il 24 giugno del 1445, una tiepida domenica di inizio estate, ed Annibale Bentivoglio, signore di Bologna da soli pochi mesi, si sta recando alla festa per un battesimo. Ma l’invito si rivela subito una trappola ordita dalla rivale famiglia dei Canetoli, che da tempo mira al controllo della città. Con l’aiuto e l’appoggio di Francesco Ghisilieri, nella rivolta, Annibale viene assassinato. Il colpo di mano dei rivoltosi però è rapidamente sedato dai Bentivoglio e dai loro potenti alleati, ed i ribelli vengono duramente puniti. Casa Ghisilieri in via Montegrappa viene rasa al suolo e ne si risparmia solo la torre; i componenti delle famiglie ribelli vengono perseguitati, trucidati ed esiliati.

La porta del Pratello, accesso al quartiere dei rivoltosi, viene sbarrata, murata e abbandonata all’oblio. 

 
"Recepção excelente. Informações precisas. Boa localização"
"Recepção excelente. Informações precisas. Boa localização. Perto dos principais pontos turísticos e ruas. Supermercado a 100 ms. onde se pode fazer refeição sem ser explorado com "coperto" pelos restaurantes italianos. No sperm tem até farmacia."



Octavio

Excelente servicio
Mi experiencia fue buenísima en este Hotel. Inicialmente tenía reservada una habitación para mi grupo familiar de 4 personas, al llegar me indicaron que no tenían una habitación como la reservada pero tenían un departamento exterior independiente el que como solución fue estupendo, con 2 habitaciones independientes, baños, cocina, etc. todo bien. La limpieza perfecta, el desayuno buenísimo. Estuvimos 4 noches, y al irme como anécdota olvidé mi argolla de matrimonio en un cajón, me di cuenta estando en Roma y llamé al Hotel, me tenían guardada la argolla y la retiré 10 días después cuando retornaba. Todo bien muy buen hotel.



omar antonio

"Colazione a buffett di qualità"
"Eccellente posizione, camera grande e molto pulita, bagno pulito e assolutamente funzionale. Colazione a buffett di qualità"



Antonio

"Per lavoro a Bologna. Ottimo"
Ottima soluzione, comodo per gli impegni di lavoro. Camere pulite, spaziose, letto comodo e confort di buon livello. Bagni funzionali e puliti. Colazione con buona scelta. Decisamente interessante il rapporto qualità prezzo.



Crismed1975

Giovedì 21 Marzo 2019
Sereno

Min 1° - Max 12°
Venerdì 22 Marzo 2019
Sereno

Min 1° - Max 15°
Sabato 23 Marzo 2019
Sereno

Min 0° - Max 17°
Domenica 24 Marzo 2019
Sereno

Min 2° - Max 19°
Lunedì 25 Marzo 2019
Nuvoloso

Min 4° - Max 19°
Martedì 26 Marzo 2019
Nuvoloso

Min 1° - Max 11°
Mercoledì 27 Marzo 2019
Nuvoloso

Min 0° - Max 11°
+39 051/247926
info@nuovohoteldelporto.com
OFFERTE SPECIALI
+39 051/247926
info@nuovohoteldelporto.com
Richiedi informazioni!
SURREALIST LEE MILLER
Bologna, Palazzo Pallavicini dal 14 marzo al 09 giugno
BOLOGNA COM'ERA
Richiedi informazioni!
Richiedi informazioni
* Nome e Cognome:
Arrivo:
N.
Adulti:
Età
Bambino 1:
* E-mail:
Partenza:
Età
Bambino 2:
Età
Bambino 3:
Telefono:
Sistemazione:

Nazione:

Richieste particolari:
Campi obbligatori *
Follow us on facebook
Nuovo Hotel Del Porto Via Del Porto, 6 - 40122 Bologna (Bo)
Tel. +39 051/247926 - Fax +39 051/247386
E-mail: info@nuovohoteldelporto.com
Credits TITANKA! Spa © 2013