366/5039177
Il servizio é attivo dalle 9 alle 19
MIGLIOR PREZZO GARANTITO

Sul nostro sito vi garantiamo la miglior tariffa del web, se riuscirete a trovare un prezzo piu basso prenotabile on line per lo stesso periodo e per la stessa tipologia di camera su un altro sito, vi chiediamo gentilmente di contattarci, vi applicheremo lo stesso prezzo e inoltre avrete delle condizioni esclusive.

OMAGGI ESCLUSIVI SOLO SE PRENOTI DA QUESTO SITO:

Per chi arriva in auto 40% di sconto sulla tariffa del nostro parcheggio privato

Connessione gratuita Internet WI-FI per tutto il tempo del tuo soggiorno, in hotel e in camera: naviga come vuoi, dove vuoi, quando vuoi!

Upgrade nella camera superiore
Il nostro responsabile di ricevimento, quando possibile, sceglierà sempre la camera disponibile migliore per le esigenze dei nostri ospiti.

BOOKING ONLINE
Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
Bologna che pochi ricordano
L'officina della luce, un lampione liberty e la meridiana più lunga del mondo
La luce a Bologna

 L'officina della luce, un lampione liberty e la meridiana più lunga del mondo

Lo strano viaggio che stiamo per intraprendere oggi, è un tributo alla luce, al suo potere creativo ed al suo impulso emozionale. Alla luce che, di giorno, fa bella Bologna. La risveglia timidamente al mattino, per inondarla poi come un fiume in piena, e travolgerla di romanticismo nelle prime ore della sera. Passa attraverso strettoie ed angoli, taglia le strade del centro vecchio, allunga le torri, disegna le piazze, rivede lo scorcio di un portico, si insinua nelle pieghe delle pietre medievali. Crea chiaroscuri e trasforma i palazzi gentilizi in geometriche ombre sghembe, improvvise e mutevoli. Alla luce che, di notte, riscrive Bologna. Quando viene buio, la luce gialla scopre e rivela il lato più misterioso della città, ma anche quello malinconico, il più poetico e caloroso. E mai come in queste notti, nei mesi invernali di festa, la città diventa una lanterna magica. Il centro viene investito da una luce bianca quasi naturale dall'alto delle Due Torri e travolge le vie sottostanti, per smaterializzarsi poi in pura trasparenza. Che sia giorno o che sia notte, la luce, con un sapiente gioco plastico, corretto e magnifico, ridisegna la nostra città.

Vogliamo raccontarvi la storia della luce artificiale pubblica, farvi ammirare un lampione che, come una campana, si illumina a festa per ogni bambino nato, e condurvi nuovamente nella Basilica di San Petronio, questa volta per farvi ammirare la stupenda Meridiana che grazie ad un raggio di sole ci ricorda ogni giorno il mezzodì.

A Bologna, il progetto della pubblica illuminazione, rigorosamente ad olio, è affidato, nel 1800, a Giuseppe Guidicini, architetto, agrimensore ed ingegnere petroniano. Nel 1846, viene costruita la prima officina che distribuisce il gas distillato dal carbone fossile. Durante gli ultimi giorni del mese di ottobre di quello stesso anno, viene messo a punto il primo sistema di illuminazione a gas nel cento della città. Ma i lampioni sono troppo distanziati tra loro e la luce è talmente misera che il malcontento della popolazione fu immediato e rumoroso. Colta quindi l'inadeguatezza dell'impianto alla crescente richiesta di luce, Bologna nel 1863, si dota di una nuova centrale in Viale Berti Pichat, tra la porta Mascarella e San Donato,  occupando un'area di 15.000 metri quadrati ed impegnando circa 300 operai. L'impianto comincia a funzionare l'anno seguente, e quarto anni dopo, fornisce luce a 1.534 lampade pubbliche e a 8.054 lampade private (che diventano rispettivamente 2.000 e 51.000 nel 1900 e 2.800 e 108.000 nel 1911). I metri cubi di gas erogati, passano da 16.000 nel 1863 ad oltre 10.000.000 nel 1911. La fornitura del gas a Bologna diventa così una questione di importanza fondamentale. Nella seduta dell'otto giugno del 1900, il Consiglio Comunale, con 33 voti a favore e solo 9 contrari, approva la municipalizzazione della fornitura di gas per l'illuminazione. Nasce l'azienda municipalizzata del gas, la prima in Italia. Nel 1930, dopo trent'anni di perfetta attività e di clientela soddisfatta, entra in funzione il nuovo gasometro, una torre moderna, attivo e pienamente funzionante, insieme alla centrale, per tutti gli anni Cinquanta. Solo nel 1960, il 7 di ottobre, a causa della non adattabilità della struttura alle caratteristiche del nuovo gas metano, viene spento l'ultimo alto forno per la distillazione. Dell'officina rimane oggi l'importante gasometro visibile dai viali, gioiello di architettura industriale nel cuore della città, archeologia industriale a testimonianza di un tempo che fu e del graduale passaggio all'energia elettrica.

Il lampione liberty, appeso al Palazzo Re Enzo, a tre metri e mezzo di altezza, all'angolo tra via Rizzoli e piazza del Nettuno, è del 1920 ed è stato da poco rimesso in funzione, dopo più di quattro mesi di restauro. A quello che secondo noi è uno degli oggetti di arredo urbano più belli di Bologna, è stato affidato dal 2012 un nobile e romantico compito. Ad ogni nascita, che sia di giorno o di notte, il lampione, comandato a distanza da un pulsante icona posto in consolle nelle due maternità pubbliche bolognesi, si illumina per alcuni secondi. Come una campana che suona a festa, il faro si accende in un lampo di benvenuto ad ogni nuovo cittadino, in un flash simbolico per condividere pubblicamente la più intima gioia.

Eccezionale strumento astronomico, la Meridiana più lunga del mondo è stata costruita nel 1695, nella Basilica di San Petronio da Gian Domenico Cassini. La precedente versione, realizzata nel 1575 dal domenicano Danti, viene completamente demolita durante l'ampliamento definitivo della Basilica. La linea meridiana è tracciata sul pavimento della navata di sinistra, in direzione obliqua. Essa rappresenta la materializzazione del meridiano locale. Sulla linea ipotetica verticale, a 27,07 metri di altezza, c'è il foro gnomico. Ben visibile pur avendo un diametro di 27,07 millimetri, esso è al centro di un sole colorato e raggiante. Grazie al moto apparente del sole, la meridiana di San Petronio segna ogni giorno il mezzodì, scandendo così l'inesorabile trascorrere del tempo e delle stagioni. E così, il fedele che entra in San Petronio, da un lato è attratto dalla verticalità della struttura gotica che richiama il fascino dell'eterno, dall'altro viene richiamato alla propria condizione di precarietà sulla Terra dal trascorrere inesorabile del tempo, di cui la Meridiana è uno splendido simbolo.

L'uomo è costantemente alla ricerca della luce.
"Sempre al massimo"
Ottima la posizione pochi passi dalla stazione, ottima la colazione, personale nella norma, vicino ci sono parecchi ristoranti e pizzerie inoltre 10 minuti si arriva al centro . Consigliato io lo utilizzo per lavoro con la mia azienda ma lo consiglio anche per qualsiasi evenienza!



denmattt

"Colazione a buffett di qualità"
"Eccellente posizione, camera grande e molto pulita, bagno pulito e assolutamente funzionale. Colazione a buffett di qualità"



Antonio

Ottimo hotel!
"Ho soggiornato presso quest'hotel diverse volte per lasciare il mio alloggio ai miei genitori e in quest'hotel torno sempre con molto piacere. Il personale al ricevimento è veramente accogliente,gentile,cordiale, solare e sempre pronto ad assecondare le richieste dei clienti. Le camere sono molto curate nella pulizia e nel complesso funzionali, in occasione dell'ultimo mio soggiorno ho avuto il piacere di alloggiare in una delle nuove camere appena ristrutturate e devo dire che ciò ha contribuito a rendere ulteriormente gradevole il mio soggiorno, anche gli spazi comuni ho trovato molto curati. Molto valida la prima colazione, ho apprezzato molto l'assortimento e la qualità dei prodotti. Nulla da dire sulla posizione: l'hotel è situato in prossimità del centro storico e allo stesso a non più di 10 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria. Di notte non sono mai stato disturbato da rumori di auto o voci di persone in quanto Via del Porto è una via molto tranquilla e non trafficata. Hotel consigliatissimo!! Ci ritornerò."



Fabio87020

"Tutte le settimane a Bologna"
hotel buono, a cinque minuti a piedi dalla stazione, pulizia , confort , Wi-Fi e cordialità. colazione ricca e variegata. La posizione centrale gli da una nota aggiunta. Ottimo per incontri di lavoro anche settimanali come è capitato a me e con varie tipologie di stanze da scegliere.



Ghina74

Lunedì 26 Giugno 2017
Nuvoloso

Min 20° - Max 30°
Martedì 27 Giugno 2017
Sereno

Min 19° - Max 27°
Mercoledì 28 Giugno 2017
Nuvoloso

Min 20° - Max 28°
Giovedì 29 Giugno 2017
Nuvoloso

Min 19° - Max 23°
Venerdì 30 Giugno 2017
Nuvoloso

Min 17° - Max 24°
Sabato 01 Luglio 2017
Nuvoloso

Min 14° - Max 26°
Domenica 02 Luglio 2017
Nuvoloso

Min 16° - Max 26°
+39 051/247926
info@nuovohoteldelporto.com
OFFERTE SPECIALI
+39 051/247926
info@nuovohoteldelporto.com
Richiedi informazioni!
Depeche Mode
Bologna, Stadio Renato dall'Ara 29 Giugno
SANA
Bologna Fiera, dal 8 all'11 Settembre
BOLOGNA COM'ERA
Richiedi informazioni!
NEWSLETTER!       INSERISCI LA TUA EMAIL, RICEVERAI IN ANTEPRIMA OFFERTE ED EVENTI
iscriviti!
Richiedi informazioni
* Nome e Cognome:
Arrivo:
N.
Adulti:
Età
Bambino 1:
* E-mail:
Partenza:
Età
Bambino 2:
Età
Bambino 3:
Telefono:
Sistemazione:

Nazione:

Richieste particolari:
Campi obbligatori *
Follow us on facebook
Nuovo Hotel Del Porto Via Del Porto, 6 - 40122 Bologna (Bo)
Tel. +39 051/247926 - Fax +39 051/247386
E-mail: info@nuovohoteldelporto.com
Credits TITANKA! Spa © 2013